rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Taglio degli alberi a Chieti, Marzoli: "Ora basta"

Anche i Giovani del Pd Chieti indignati dal taglio di alberi che continua a moltiplicarsi a Chieti scalo, l'ultimo ieri mattina in viale Abruzzo dove sono spariti cinque pini

Anche i Giovani del Pd Chieti sono indignati dal taglio di alberi che continua a moltiplicarsi lungo le vie di Chieti scalo, su disposizione dell’amministrazione comunale del sindaco Di Primio.

“E’vergognosa la semplicità e superficialità con cui si continuano a tagliare alberi. Una cosa è la giusta prevenzione e tutela della pubblica incolumità, che significa studio, controllo e intervento dove indispensabile ( ad esempio nel cortile della scuola media Mezzanotte ), altra cosa è il taglio indiscriminato come quello in viale Abruzzo” osserva Alessandro Marzoli lasciando intendere che forse  “la comodità di tagliare piante per eseguire lavori pubblici è ormai la linea guida della giunta comunale, quando invece esistono molte tecniche per salvare gli alberi e non rendere inutili i lavori di rifacimento stradale”.

Il Partito Democratico ricorda come tre anni infatti si scagliò contro il taglio di una decina di alberi in via Ricci, evidenziando che potevano essere salvati. “Anche in quella occasione – continua Marzoli -  nessuna pietà, ma avevamo avuto la promessa solenne in consiglio comunale che su quella strada tutti gli alberi sarebbero stati sostituiti con nuove piante. Ad oggi invece restano solo le basi dei tronchi e nessun nuovo arbusto ha sostituito i precedenti. Che fine ha fatto la loro promessa ai cittadini?

Da ultimo l’episodio del Tricalle, con il taglio privato di una quercia secolare e la sparizione della legna dello stesso che l’amministrazione Di Primio ha lasciato passare come se non fosse una cosa di valore. Oggi l’ ennesima ferita al verde della nostra città: quanto ancora dovremo aspettare per mettere fine a questo scempio?”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taglio degli alberi a Chieti, Marzoli: "Ora basta"

ChietiToday è in caricamento