Cronaca

Studentessa di Lettere trovata morta in casa a Teramo

Aveva 25 anni. La giovane, figlia di un noto avvocato teramano, si sarebbe tolta la vita nella sua abitazione. Una tragedia inspiegabile

Un gesto volontario, disperato, quello di una giovane donna che questa mattina nella sua abitazione in corso Porta Romana a Teramo ha deciso di farla finita. Beatrice Referza, 25 anni, figlia dell' avvocato teramano Pietro Referza, era iscritta alla facoltà di Lettere dell'università d'Annunzio di Chieti. Chi la conosceva la descrive come una ragazza solare, amante del teatro e con una grande sensibilità.

A trovare il suo corpo senza vita questa mattina è stata la donna delle pulizie, mentre si trovava nell'abitazione dove la ragazza viveva con la sua famiglia. Gli operatori del 118, intervenuti sul posto, non hanno potuto far altro che confermare il decesso. Secondo la polizia, giunta sul posto, si è trattato di un gesto volontario: la giovane si sarebbe impiccata. Una tragedia davanti alla quale è impossibile trovare una spiegazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studentessa di Lettere trovata morta in casa a Teramo

ChietiToday è in caricamento