menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fondi pubblici, gli studenti del Masci a confronto col sindaco Di Primio

Insieme al primo cittadino hanno risposto alle domande dei ragazzi l'assessore Di Felice e il segretario generale Labbadia

Come vengono spesi i fondi pubblici sul nostro territorio? Che tipo di progetti vengono finanziati? Come agiscono davvero per migliorarlo? Cosa sono i fondi strutturali? A questi e ad altri quesiti hanno risposto ieri mattina (venerdì 11 marzo) il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, l’assessore ai Lavori Pubblici, Raffaele Di Felice, e il segretario generale del Comune, Celestina Labbadia, agli studenti del Liceo Scientifico Filippo Masci nel corso di un incontro organizzato nell’istituto scolastico di Chieti.

Partendo dall’analisi di informazioni e dati in formato aperto pubblicati sul portale Open Coesione, che abilita gli studenti a scoprire come i fondi pubblici vengono spesi sul proprio territorio e a coinvolgere la cittadinanza nella verifica e nella discussione della loro efficacia, gli studenti del liceo scientifico teatino hanno affrontato il primo confronto con l’amministrazione comunale, ponendo domande e quesiti su come vengono adoperati e spesi i fondi pubblici

"La prima cosa che dovete tenere a mente quando si assumono impegni pubblici – ha detto il sindaco nel corso del suo saluto agli studenti - è che bisogna sempre pensare di essere a servizio degli altri. In un momento storico in cui gli enti locali hanno sempre più difficoltà ad avere risorse proprie per realizzare lavori o per garantire servizi – ha poi proseguito - la capacità di dialogare con Bruxelles non solo è necessaria ma di primaria importanza e noi italiani siamo spesso additati come coloro che si lasciano sfuggire importanti risorse economiche della comunità europea. Oggi giorno non solo è importante avere una buona capacità di progettazione ma è necessario immaginare un percorso approfondito con i vari step affinché quella stessa progettazione diventi realtà, ecco dunque che il ricorrere ai finanziamenti europei diventa una esigenza del Paese".

Il sindaco, ricordando con l’assessore Di Felice i tanti progetti finanziati su Chieti con fondi comunitari – dall’arredo urbano del centro storico, ai sottoservizi, dal trasporto pubblico ai lavori di viabilità stradale – ha ringraziato la dirigente scolastica e il corpo docente per il confronto e ha salutato gli studenti ricordando loro di essere sempre disponibile al dialogo e alla conoscenza delle cose. 

"Parlare con voi è parlare con il mio futuro – ha concluso il sindaco -. La capacità di sognare il futuro la possiedono solo i sognatori, la capacità di costruire il futuro la possiedono i bravi tecnici, ma noi tutti dobbiamo essere invece capaci di immaginare progetti che, una volta presentati, vengono apprezzati per la loro qualità e il loro valore. Ecco perché plaudo all’iniziativa che vi vede protagonisti. È dalla scuola che viene formata la futura classe dirigente".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento