Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca Centro Storico / Corso Marrucino

Per il corso spunta lo striscione di CasaPound a difesa della sanità teatina

Accusano la politica cittadina di fare "solo chiacchiere" mentre il policlinico SS. Annunziata rischia il declassamento

"Sulla sanità non si scherza: politica cittadina solo chiacchiere", è il testo dello striscione affisso nella notte dai militanti di CasaPound nei pressi del Comune per chiedere conto dei provvedimenti adottati a difesa della sanità cittadina. La protesta fa seguito alla volontà della Regione di accorpare le centrali operative del 118 e il paventato rischio decassamento del policlinico di Chieti con la conseguente perdita delle cliniche universitarie, motivo per cui i docenti universitari hanno dato vita a un coordinamento clinico.

"Mentre il Pd teatino latita senza prendere una chiara posizione sulla sanità locale - afferma Francesco Lapenna, responsabile cittadino di CasaPound Italia - i loro vertici di partito in regione si preparano al totale accentramento della sanità nella città di Pescara. La giunta Di Primio si vanta di difendere l'Ospedale di Chieti, ma oltre a lettere scritte al presidente della regione D'Alfonso (primo responsabile del depotenziamento) o comunicati stampa, non ancora ci è chiaro cosa di concreto stia facendo la politica locale".

"Per l'ennesima volta ci troviamo costretti a ribadire due siamo veramente stanchi delle solite chiacchiere dei politicanti di mestiere - conclude la nota - pretendiamo che la politica cittadina informi la cittadinanza su ciò che di concreto e reale si sta realizzando per preservare la sanità teatina attraverso l'acquisizione del Dea di secondo livello".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per il corso spunta lo striscione di CasaPound a difesa della sanità teatina

ChietiToday è in caricamento