rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca Pollutri

Perseguita una minorenne con la creazione di vari profili social: denunciato e rimpatriato un giovane albanese

Il 23enne aveva iniziato a tempestare di messaggi la ragazza, che lo aveva bloccato ovunque, ma lui riusciva sempre a raggiungerla, fino a che, incontratisi per caso, ha cercato di abbracciarla

Ha perseguitato online una ragazza di 17 anni conosciuta sui social network, creando diversi profili dopo essere stato bloccato svariate volte. E, dopo averla incontrata casualmente, ha tentato un approccio abbracciandola. 

Ma lei ha sporto denuncia e il giovane, un 23enne albanese domiciliato a Pollutri, che è risultato irregolare sul territorio italiano è stato denunciato e rimpatriato: non potrà tornare in Italia per i prossimi 5 anni. In più, deve rispondere alla giustizia italian di molestie e ipotesi di atti persecutori. 

È accaduto nella mattina di mercoledì (17 novembre), quando i carabinieri dell'aliquota radiomobile di Vasto sono intervenuti nei pressi del terminal bus dove l'uomo, incontrata casualmente la ragazza, ha cercato di abbracciarla.

Tutto era iniziato qualche tempo prima: la 17enne, studentessa, lo ha conosciuto sui social. Lui si è invaghito, iniziandole a inviare una serie di messaggi non graditi. Così, la ragazzina ha deciso di bloccare il contatto, ma il giovane ha creato diversi profili nuovi, sempre bloccati, per riuscire a contattarla. 

Esasperata, lei si è rivolta al centro antiviolenza Emily per chiedere un consiglio sul comportamento da adottare e gli operatori le hanno suggerito di denunciare l'accaduto. Così la ragazza, insieme ai genitori, ha sporto denuncia alla stazione carabinieri di Vasto. 

Gli accertamenti dei militari hanno permesso di verificare frequenti avances da parte del giovane albanese, consistenti in pedinamenti e creazioni di vari profili social per inviarle messaggi. Nella mattinata di mercoledì, il giovane, è stato individuato nei pressi del terminal bus di Vasto dove, incontrata casualmente la ragazza, tentava di abbracciarla.

Sul posto è intervenuta una pattuglia dell’aliquota radiomobile che ha identificato il giovane, risultante irregolare sul territorio nazionale. A quel punto, dopo l'identificazione, è stato accompagnato alla questura di Chieti, dove gli è stato notificato il decreto di espulsine dal territorio nazionale.

La sera stessa è stato accompagnato dai carabinieri di Vasto nel porto di Bari e imbarcato sulla nave per Durazzo: non potrà più rientrare in Italia per i prossimi 5 anni.     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perseguita una minorenne con la creazione di vari profili social: denunciato e rimpatriato un giovane albanese

ChietiToday è in caricamento