rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca Francavilla al Mare

Danneggia l'auto dell'ex e tenta di provocare un incidente: 43enne ai domiciliari

Le telecamere installate all'interno dell'auto della vittima hanno rirpeso l'inseguimento ai danni della donna. L'uomo, al quale era già stato vietato di avvicinarsi per tre mesi alla ex, è stato arrestato dalla Mobile di Chieti

Messaggi, minacce e danneggiamenti all’auto dell’ex. Con l’accusa di atti persecutori nei confronti M.E., 43enne di Francavilla, è stato arrestato ieri dal personale della II Sezione della Squadra Mobile di Chieti al termine di una delicata attività di indagine.

La prima denuncia della vittima risale al maggio scorso,  quando l’uomo, che non aveva mai accettato l’interruzione della relazione sentimentale con la donna, aveva  cominciato a tartassarla di messaggi fino a danneggiarle l’auto in due occasioni. Successivamente la donna aveva riferito ancora alla polizia di essere stata pedinata dall’arrestato, che le aveva inviato altri sms contenenti minacce.

A seguito di questi episodi, il 19 luglio scorso a M.E. era stata notificata la misura del divieto di avvicinamento alla ex per tre mesi.

La donna però ha continuato a denunciare altri episodi di danneggiamento alla propria autovettura, senza riuscire a risalire all’autore. Così, con il suo consenso, la Procura della Repubblica di Chieti ha disposto l’installazione di alcune telecamere all’interno dell’auto.

Telecamere che hanno ripreso anche quando l’uomo, subito dopo la cessazione della prima misura cautelare del divieto di avvicinamento, la settimana scorsa, ha inseguito fuori città la donna che viaggiava sulla sua auto e, dopo averla affiancata, ha tentato  di mandarla fuori strada ingiuriandola e minacciandola al contempo.

E’ stato più che sufficiente a far scattare la misura cautelare, disposta dal gip di Chieti: il 43enne è finito agli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Danneggia l'auto dell'ex e tenta di provocare un incidente: 43enne ai domiciliari

ChietiToday è in caricamento