Cronaca Centro

La spesa al tempo della crisi: a Chieti si risparmia fino a 846 euro

Lo dice un'indagine di Altroconsumo, che ha monitorato quasi 900mila prezzi in 950 fra ipermercati (162), supermercati (603) e hard discount (185). L'Abruzzo si colloca, a livello italiano, tra le regioni meno virtuose in termini di concorrenza

Poca concorrenza e, di conseguenza, costi più alti. La crisi si abbatte pesantemente sui consumatori dell'Abruzzo, e la nostra regione si colloca, a livello italiano, tra quelle meno virtuose in termini di concorrenza e in cui si risparmia meno per la spesa.

Lo dice un'indagine di Altroconsumo, che ha monitorato quasi 900mila prezzi in 950 fra ipermercati (162), supermercati (603) e hard discount (185).

Chieti, in questa speciale classifica, si rivela la provincia abruzzese migliore: nel capoluogo teatino, infatti, su una spesa media annuale di 6.442 euro, dal punto vendita più caro al più economico si possono risparmiare fino a 846 euro. All'Aquila, invece, il risparmio può raggiungere i 772 euro, mentre a Pescara al massimo 532. Il risparmio medio nazionale è di 600 euro.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La spesa al tempo della crisi: a Chieti si risparmia fino a 846 euro

ChietiToday è in caricamento