Cronaca

Sparatoria a Lanciano, giovane in prognosi riservata: quattro arresti

Indagini lampo dei carabinieri dopo la serata di terrore domenica nella zona industriale, culminata con colpi d'arma da fuoco

Un lite tra albanesi, scaturita per futili motivi, è degenerata in sparatoria ieri sera a Lanciano dove i carabinieri, dopo indagini lampo, hanno tratto in arresto quattro persone.

I fatti si sono verificati intorno alle 20 quando quattro albanesi hanno atteso l’arrivo di alcuni loro connazionali per discutere di un diverbio scaturito precedentemente. Le cose sono immediatamente degenerate e uno dei quattro avrebbe estratto una pistola calibro 38 sparando alle spalle di un 29enne, mentre un altro giovane sarebbe stato colpito alla testa con un bastone. I quattro poi sono fuggiti. 

A ricostruire l’accaduto i militari della compagnia di Lanciano unitamente ai colleghi della compagnia di Ortona e al Nucleo investigativo di Chieti che al termine delle indagini sono riusciti a bloccare tre degli aggressori a Fossacesia, mentre erano in procinto di allontanarsi, e un quarto ad Altino, dove è domiciliato. Tutti e quattro, dai 23 ai 39 anni, tutti residenti tra Altino e Fossacesia, sono stati dichiarati in stato di arresto: dovranno ora rispondere di tentato omicidio, lesioni personali aggravate e porto abusivo di armi, in concorso tra loro. Come disposto dall’autorità giudiziaria frentana, saranno trasferiti in carcere.

Gravi le condizioni del 29enne raggiunto dal colpo di pistola: è stato ricoverato in prognosi riservata all’ospedale di Pescara e rischia lesioni permanenti alle gambe. Il secondo ferito, di 23 anni, si trova all’ospedale di Lanciano in condizioni meno gravi per ferite lacero contuse al capo.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparatoria a Lanciano, giovane in prognosi riservata: quattro arresti

ChietiToday è in caricamento