menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sospetto focolaio di brucellosi in allevamento: intervengono Nas e Asl

Solo ieri i carabinieri del Nas avevano sospeso l’attività di lavorazione e vendita del reparto di macelleria di un supermercato della provincia

i carabinieri del NAS Di Pescara, in collaborazione con l'Autorità sanitaria locali, hanno sottoposto a controlli tre allevamenti bovini della provincia di Chieti, accertando alcune violazioni al regolamento di polizia veterinaria e nella identificazione e registrazione dei capi di bestiame. I militari hanno proceduto, inoltre, al prelievo di campioni ematici sui bovini per le successive analisi di laboratorio.

A causa dell’accertata promiscuità degli animali al pascolo e per la presenza di un focolaio di brucellosi, il servizio veterinario dell’Asl ha proceduto alla separazione degli animali, sottoponendo a vincolo sanitario 138 capi. Questi ultimi non potranno essere movimentati fino all’ordine di chiusura del focolaio.

"I controlli agli allevamenti degli animali da reddito - ribadisce in una nota del Nas - sono importanti per garantire la sicurezza del primo anello della catena alimentare che permette di monitorare l’intero ciclo produttivo, dal campo alla tavola".

Solo ieri si era conclusa un'altra operazione dei carabinieri del Nas i quali, a seguito di un'ispezione, hanno sospeso l’attività di lavorazione e vendita del reparto di macelleria di un supermercato (del quale non è stato reso noto il nome) in provincia di Chieti. L'ispezione è stata effettuata in collaborazione con il personale del Servizio Veterinario della Asl di Chieti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento