Cronaca

Acqua: chiusure notturne dei serbatoi dal 13 al 19 febbraio

L'Aca ha inviato il programma di chiusura dei serbatoi che riforniscono Chieti scalo, Brecciarola e a San Giovanni Teatino: rubinetti a secco o riduzione della portata tutte le sere dal 13 al 19 febbraio. L'opposizione: "Situazione insostenibile" e annuncia provvedimenti

Rubinetti a secco tutte le sere dal 13 al 19 febbraio a Chieti scalo, Brecciarola e San Giovanni Teatino.

L'Aca (Azienda Comprensoriale Acquedottistica) ha inviato il programma di chiusura dei serbatoi per carenza idrica di una condotta adduttrice l'acquedotto Giardino. A causa del perdurare delle condizioni di gelo delle sorgenti con riduzione delle portate, l'erogazione dell'acqua potabile verrà sospesa tutte dalle 22 alle 6 a Brecciarola e, sempre dalle 22 alle 6, nell'intero territorio comunale di San Giovanni Teatino. A Chieti scalo, specifica l'Aca, non si procederà alla chiusura totale ma alla riduzione della portata dalle 21 alle 24 e dall'1 alle 5 del mattino.

Analoghi provvedimenti riguardano anche parte dei Comuni di Manoppello, Scafa, Tocco da Casauria, Cepagatti, Rosciano, Torre De Passeri.

Sei giorni di sospensione idrica notturna non sono accettabili, a maggior ragione in quartieri così popolosi come quelli dello scalo, dove la razionalizzazione idrica nelle ore notturne non è certo una novità. L'opposizione teatina insorge sull'argomento attraverso le parole del vice presidente del Consiglio comunale, Alessandro Marzoli, che in una nota dice: "Senza entrare nel merito delle oggettive difficoltà dovute alle cattive condizioni atmosferiche e al gelo di alcune sorgenti non possiamo non stigmatizzare il fatto che da diversi giorni, ben prima dell'ondata di maltempo che ha colpito la nostra regione, Chieti continui a subire interruzioni e sospensioni di fornitura d’acqua con poche ore di preavviso. E i cittadini di Chieti scalo in particolare devono sopportare disagi non più sostenibili".

Marzoli si chiede perchè gli ex oppositori oggi non dicano nulla in merito all'operato dell'Aca, limitandosi a inoltrare gli avvisi dell'azienda. "Chiediamo un immediato confronto tecnico con i vertici dell’Aca - conclude - affinchè cessino le sospensioni di fornitura idrica per periodi così lunghi in grandi aree della città di Chieti. Siamo pronti ad interessare l’intero Consiglio Comunale del problema poiché troppe teatine e troppi teatini, pur pagando regolarmente le tasse, continuano a subire in questi mesi enormi disagi".


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua: chiusure notturne dei serbatoi dal 13 al 19 febbraio

ChietiToday è in caricamento