menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Soppressione Guardia Medica, il sindaco di San Vito chiede aiuto a Mattarella

L'amministrazione comunale ha impugnato il provvedimento di soppressione con ricorso straordinario al presidente della Repubblica

“La soppressione della guardia medica a San Vito è un provvedimento irrazionale, che non produce risparmio e costringerà 5300 residenti a ripiegare su Lanciano”. Per queste motivazioni il sindaco Rocco Catenaro ha deciso di impugnare il provvedimento firmando il ricorso straordinario al presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Secondo il sindaco, la decisione di Asl e Regione Abruzzo “lede gli interessi della comunità sanvitese e rappresenta una evidente diminuzione del diritto alla salute”. Catenaro, oltre a far notare che il criterio generale prevede un presidio di guardia medica ogni 3.500 abitanti ( i residenti a San Vito sono oltre 5.300, d’estate il numero degli abitanti si quadruplica) riferisce che negli orari in cui non operano i medici di base ­i sanvitesi sono costretti a rivolgersi al Pronto Soccorso di Lanciano anche per problematiche non urgenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento