Cronaca Lanciano

Soda caustica e alcool al posto del detergente intimo: marito condannato a Lanciano

L'uomo, un 63enne, pretendeva anche rapporti sessuali contro la volontà della moglie. E' stato condannato a un anno e sei mesi con l'accusa di maltrattamenti

Un anno e due mesi di vessazioni fisiche e psichiche nei confronti della moglie a causa dei quali un uomo di 63 anni di Lanciano è stato condannato oggi a un anno e sei mesi di reclusione.

L'uomo, che dopo la perdita del lavoro era divenuto più violento nei confronti della moglie, è accusato di aver minacciato la consorte ripetutamente con ascia, sciabola e coltello. Avrebbe poi sostituito il sapone intimo della donna che era in bagno con dell'alcool, mentre sul piano cucina avrebbe posizionato un barattolo di soda caustica. 

E ancora: calci, pugni e ingiurie nei confronti della poverina. Secondo l'accusa l'uomo, che si presentava anche nudo, pretendeva anche rapporti sessuali contro la volontà della donna. I fatti contestati risalgono al periodo che va da gennaio 2012 a marzo 2013.

Oggi la condanna con rito abbreviato da parte del gup Francesco Marino con l'accusa di maltrattamenti, pena sospesa.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soda caustica e alcool al posto del detergente intimo: marito condannato a Lanciano

ChietiToday è in caricamento