Cronaca

Vertenza Sixty: la protesta dei lavoratori si sposta in Regione

I sindacati annunciano un presidio di protesta mercoledì 7 novembre dinnanzi alla sede della Regione Abruzzo a Pescara per denunciare il disinteresse del presidente Gianni Chiodi e dell'assessore Alfredo Castiglione per questa drammatica vertenza

I sindacati annunciano un presidio di protesta dei lavoratori Sixty mercoledì 7 novembre dinnanzi alla sede della Regione Abruzzo in piazza Unione a Pescara.

"Lo scopo è denunciare il totale disinteresse per questa drammatica vertenza del presidente Gianni Chiodi e dell'assessore alle Attività Produttive Alfredo Castiglione" spiegano Cgi, Cisl e Uil.

La mobilitazione prenderà il via dalle ore 9. "Non avendo mai partecipato a nessuno dei quattro incontri al Ministero dello Sviluppo Economico - dicono i rappresentanti sindacali -  siamo portati a pensare che oltre al Fondo Panasiatico e a Sixty Spa, anche alla Regione Abruzzo non interessi tutelare il Made in Italy, le centinaia di professionalità esistenti e il continuo impoverimento del tessuto industriale della Val Pescara".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Sixty: la protesta dei lavoratori si sposta in Regione

ChietiToday è in caricamento