Sixty, fiaccolata dei lavoratori e Di Primio promette impegno concreto

Nella manifestazione di venerdì il sindaco si è tolto la fascia tricolore, dichiarando che non la indosserà finché l'azienda non accetterà di ascoltare le richieste dei sindacati. Si temono più dei 183 esuberi già annunciati

Di Primio si toglie la fascia

Mi rifiuto di indossare la fascia tricolore, la rimetterò solo se Sixty si siederà al tavolo con i sindacati ed acconsentirà alle loro richieste”. Così il sindaco, Umberto Di Primio, ha espresso solidarietà ai lavoratori dell’azienda tessile, che ieri pomeriggio hanno protestato con una fiaccolata di fronte alla sede dell’azienda, in via Piaggio. Soltanto poche decine di dipendenti, una cinquantina, hanno scelto di scendere in strada a rivendicare il proprio diritto al lavoro. A offrire sostegno c’erano anche la giunta comunale e alcuni consiglieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
 
Al momento la Sixty ha annunciato 183 esuberi, ma i sindacati temono che il numero potrebbe crescere fino a 250. L’incontro con l’azienda è già fissato per martedì, nella sede di Confindustria. “L’Azienda Sixty deve sapere – ha dichiarato il sindaco - che i suoi lavoratori e noi amministratori non siamo disposti ad accettare che qui ci sia una seconda Burgo. Il che vuol dire che non consentiremo che la sua dirigenza faccia i conti senza tenere nella dovuta considerazione il territorio e soprattutto ciò che questi lavoratori hanno dato all’Azienda in  questi anni”.
 
E’ proprio questo l’esito che temono lavoratori e sindacati: la paura è che la Sixty diventi l’ennesima azienda che sparisce dal panorama della zona industriale di Chieti Scalo senza riconoscere ai suoi dipendenti il merito di averne reso grande il nome. “Mi impegnerò per una forte pressione sull’Azienda – ha assicurato Di Primio - in modo che le richieste che sono state fatte dai aindacati vengano accolte. Non si facciano i conti solo in base a quanto viene richiesto dalle banche, ma si tenga in debito conto il valore del patrimonio umano rappresentato dai lavoratori della Sixty.
 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo si accascia nei pressi di Ikea: vigilante gli salva la vita dopo il massaggio cardiaco

  • Lanciano in lutto per Mirella: domani l'ultimo saluto alla 41enne morta nell'incidente a Pescara

  • Tragico schianto in galleria durante le vacanze: morto un ragazzo di Tollo

  • Beve una bibita e inizia a vomitare sangue: 15enne soccorso elicottero sul monte Amaro

  • FOTO-Ordigni bellici in mare a Fossacesia, balneazione vietata

  • Tragico schianto fra due auto sulla Statale 16: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento