Sindaco Umberto Di Primio: "Il Tribunale di Chieti va tutelato"

Per il Sindaco, pur comprendendo le ragioni del Foro di Lanciano., il Tribunale di Chieti va tutelato

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

 

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, a seguito delle notizie stampa relative al futuro dei Tribunali in Provincia di Chieti, ha dichiarato.
 
«Pur rispettando la necessità di territorio frentano di difendere le propri ragioni non posso condividere la posizione assunta sia perché la proposta vedrebbe danneggiata la mia città e l’intero Foro Teatino, sia perché la stessa risulta essere assolutamente contraria alle previsioni e norme di legge vigenti. 
 
Infatti, la Legge Delega prevede che i Tribunali dei Capoluogo di Provincia, quale quello di Chieti appunto, resteranno operativi mentre per quanto concerne quelli sub provinciali, come il caso dei Tribunali di Lanciano e Vasto, potranno essere soppressi a seconda di precisi calcoli relativi all’attività che ivi si svolge.
 
Offro sin d’ora la mia disponibilità agli amici e colleghi avvocato frentani al fine di trovare la soluzione migliore per non compromettere o comunque ledere eccessivamente le ragioni del Foro di Lanciano e della Città di Lanciano.
 
Tutto questo, comunque, non può compromettere il presente ed il futuro del Tribunale di Chieti.
 
All’uopo devo ricordare che la mia Amministrazione ha già provveduto ad inserire tra i progetti di sviluppo il raddoppio del numero dei posti auto intorno al Tribunale e sta elaborando il progetto di raddoppio dell’attuale superficie del Palazzo di Giustizia.»
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento