Cronaca

Delirio Sgarbi contro la demolizione di Palazzo Sirena e Luciani: "Sei un criminale"

Il critico d'arte, in Abruzzo per uno spettacolo, senza freni su Facebook offende il sindaco di Francavilla. Che risponde: "Ha bisogno di aiuto, non lo denunceremo"

“Non meriti di vedere la mia faccia, assassino, teppista, criminale”. Quelle che riportiamo sono forse le parole meno offensive che Vittorio Sgarbi rivolge in un doppio video postato oggi su Facebook e indirizzato al sindaco di Francavilla al Mare Antonio Luciani.

Il critico d’arte è in Abruzzo per alcuni eventi, tra cui lo spettacolo su Michelangelo che andrà in scena domani sera a Pescara,  e ha dedicato più di un video contro la demolizione di Palazzo Sirena. Offese, turpiloquio, accompagnate dalla visione di un water sporco condito dall’augurio al primo cittadino francavillese di finire dentro quel gabinetto.

Poi si calma, ma è solo un momento. “ Palazzo Sirena non va abbattuto: ha più di 50 anni è una testimonianza importante di ricostruzione. Distrutta Francavilla, il simbolo della ricostruzione è Palazzo Sirena”. Ma i toni subito si riaccendono: “Tu puoi essere paragonato all’Isis! Tu non sei il sindaco di Francavilla, sei un delinquente. Chi può volere la rovina, la demolizione?”.  Quindi mostra le foto dell’edificio, ormai  distrutto, in barba alle osservazioni della Soprintendenza: “Vieni pure a Roma, butta giù anche l’Eur che ha lo stesso stile – incalza Sgarbi dando dell’ignorante a Luciani - Io ti ho aggredito? Tu hai aggredito questo edificio contro la legge”.

Il sindaco Luciani, dal canto suo, ha risposto a sua volta con un video in cui si mostra tranquillo: “Quest’uomo ha bisogno di aiuto – dice - cerca pubblicità approfittando della nostra città. Noi rimaniamo qui sereni. Non presenteremo alcuna denuncia. Io gli voglio bene perché voglio sempre bene a tutti i bisognosi”.

Il botta è risposta è solo all'inizio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Delirio Sgarbi contro la demolizione di Palazzo Sirena e Luciani: "Sei un criminale"

ChietiToday è in caricamento