menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Turno di sabato pomeriggio alla Sevel: Fiom Cgil torna a dire no

Per il sindacato, l'obiettivo di quest'anno può essere raggiunto lavorando soltanto la mattina, lasciando ai lavoratori il fine settimana quasi intero in famiglia

Fiom Cgil Chieti e Fiom Abruzzo Molise tornano a dire no al turno del sabato pomeriggio alla Sevel di Atessa.

L'obiettivo 2020, quello di 310 mila furgoni, sostengono i rappresentanti sindacali "potrebbe essere raggiunto senza spremere lavoratori". Dunque, sarebbe sufficiente lavorare soltanto il sabato mattina. Secondo i calcoli della Fiom, "mantenendo l’impostato medio delle linee dell’anno scorso, che non è il massimo della capacità produttiva, e considerando l’eventuale fermata estiva, l’azienda potrebbe produrre più di 311 mila furgoni, ben oltre l’obiettivo prefissato, di conseguenza il sabato pomeriggio è un accanimento verso i lavoratori".

Per il sindacato, l'azienda vuole "avere la forza lavoro a propria disposizione risparmiando sul costo del lavoro a scapito della vita privata dei lavoratori. Tale scelta garantisce una maggiore flessibilità all’azienda per sopperire i grossi limiti infrastrutturali e per la fragilità della propria organizzazione. Un sacrificio che viene chiesto ai lavoratori senza dare certezze sul futuro".

La Fiom dice di sapere che per l’azienda è difficile tornare indietro rispetto a quanto concordato con i firmatari, ma, pur mantenendo l’attuale turnazione, potrebbe nel turno pomeridiano spostare il riposo a scorrimento al sabato pomeriggio per tutti i lavoratori, garantendosi una maggior forza lavoro durante la settimana, visto che la Sevel è scesa sotto i 6.000 dipendenti (5882 dipendenti al 29 gennaio 2020).

"La Fiom - prosegue - ritiene che gli obiettivi produttivi possano essere raggiunti senza creare difficoltà ai lavoratori, anche perché le esigenze aziendali spesso non corrispondono all’efficienza dei trasporti pubblici mettendo ancora più in difficoltà i molti lavoratori pendolari".

Il sindacato si appella al presidente della Regione, Marco Marsilio, chiedendogli "come può pensare di realizzare infrastrutture, se non è in grado di poter garantire il servizio pubblico degli autobus per rispondere alle esigenze delle aziende della Val di Sangro? Il presidente della Regione Abruzzo, oltre a fare voli pindarici sulle infrastrutture, visto che fanno parte dello stesso schieramento politico, perché non si coordina con il presidente del Molise per garantire un trasporto pubblico adeguato sia per i lavoratori che per le esigenze delle aziende della Val di Sangro? Mentre si parla di rendere il nostro territorio competitivo, i lavoratori sono costretti a pagare abbonamenti cari e raggiungere il posto di lavoro a piedi, di conseguenza le aziende hanno difficoltà a programmare le proprie attività. Se non si riesce sulle cose semplici è difficile credere a progetti più complicati per attrarre investimenti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

“Mio padre chiamato per il vaccino un mese dopo il decesso”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento