rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Cronaca Ortona

Sequestrati 50 mila euro di shaboo, la droga sintetica che devasta il viso: era destinata alla costa teatina

La Finanza di Ortona ha anche confiscato i beni di una società di capitali e di una cooperativa, i cui titolari sono indagati per reati di dichiarazione fraudolenta

Oltre alla lotta al traffico di stupefacenti, i finanzieri di Ortona, nell’ambito di una specifica attività di polizia economica-finanziaria, hanno proceduto al sequestro di due fabbricati (un laboratorio e un villino) ubicati nell’area della marrucina riconducibili ad alcuni soggetti che gestivano una società di capitali e una cooperativa, indagati per i reati di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti e per l’emissione di certificazioni fiscali surrettizie.

Il provvedimento cautelare, disposto dal gip del tribunale di Chieti, Antonella Redaelli - su richiesta del sostituto procuratore Giancarlo Ciani - è stato emesso sulla base delle risultanze di una verifica fiscale condotta dalle Fiamme Gialle  nel corso del 2016. L’attività operativa aveva portato alla luce una consistente evasione fiscale in quanto le imprese, riconducibili alle stesse persone fisiche legate da vincoli familistici, avevano occultato ricavi - nelle annualità oggetto di attenzione ispettiva - per circa un milione di euro, derivanti dall’ utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, i cui importi sono transitati susseguentemente nei modelli dichiarativi delle stesse aziende.

La misura del sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, ha consentito di aggredire il patrimonio personale degli indagati sino a concorrenza dell’importo dell’Iva evasa, pari a 136.350 euro.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrati 50 mila euro di shaboo, la droga sintetica che devasta il viso: era destinata alla costa teatina

ChietiToday è in caricamento