rotate-mobile
Cronaca

Maxi sequestro di oltre 32mila prodotti non sicuri, tra i responsabili segnalati anche uno di Chieti

I finanzieri del gruppo di Ancona hanno sottoposto a sequestro penale diverse decine di capi d’abbigliamento ritenuti contraffatti e materiale ritenuto non sicuro: uno dei responsabili segnalati è di Chieti

Nel corso della passate festività la guardia di finanza di Ancona ha ulteriormente potenziato l’azione di contrasto all’importazione e alla vendita di beni non conformi agli standard di sicurezza imposti dalla normativa nazionale e dell’Unione Europea e dei capi riproducenti marchi coperti da “copyright” e/o “trademark” privi dei dati identificativi che riconducano ad una produzione originale.
Le fiamme gialle del gruppo di Ancona e della locale Compagnia pronto impiego, in tre interventi in altrettanti esercizi commerciali situati ad Ancona, hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro amministrativo più di 32mila prodotti, tra cui decorazioni natalizie e non, articoli di cancelleria e articoli per la casa che sarebbero stati mancanti delle indicazioni minime necessarie, atte a comprovare il contenuto di materiali o sostanze pericolose e con caratteristiche tecniche non corrispondenti a quanto riportato sulle confezioni.

I responsabili delle violazioni sono stati segnalati alle Camere di Commercio di Bolzano, Ferrara, Ravenna, Chieti e Pescara, competenti per territorio, per l’applicazione delle connesse sanzioni amministrative per le violazioni al Codice del Consumo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi sequestro di oltre 32mila prodotti non sicuri, tra i responsabili segnalati anche uno di Chieti

ChietiToday è in caricamento