Sequestrati 320 chili di carne scaduta e tenuta in pessime condizioni igieniche in un'impresa di macellazione

La carne (prosciutti in particolare) è stata sequestrata dai militari dell'Arma perché scaduta da circa 3 mesi

Sono in totale 320 i chili di carne posti sotto sequestro dai carabinieri del Nas di Pescara in un'impresa di macellazione con laboratorio in provincia di Chieti.
La carne (prosciutti in particolare) è stata sequestrata dai militari dell'Arma perché scaduta da circa 3 mesi.

Sono state anche elevate sanzioni amministrative per circa 5 mila euro visto che i locali presentavano carenze igieniche e la carne non era tracciabile.

L'ispezione ha rivelato una serie di carenze tali da comportare immediate prescrizioni. Infatti i locali di macellazione e del laboratorio (non è stato svelato il nome dell'impresa sottoposta a controllo) sezionamento carni presentavano inadeguatezze igienico-sanitarie, dalle prese elettriche aperte con fili a vista alle soluzioni di continuità nella piastrellatura, fino all’usura in più punti, delle guarnizioni delle porte delle celle frigo.

Proprio dal controllo della carne detenuta nei frigo i Nas hanno scoperto che ben 275 chili di prosciutti presentavano il Tmc (termine minimo di conservazione) decorso da circa 3 mesi. Rinvenuti anche 45 chili di prodotti a base di carne privi delle indicazioni riguardanti la tracciabilità. Dunque 320 chili di carni è stato operato il sequestro amministrativo con valutazioni per la distruzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

Torna su
ChietiToday è in caricamento