rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Francavilla al Mare

Sequestrata ditta di autolavaggio dai carabinieri: acque sporche scaricate nella fognatura e lavoratori in nero

L'attività di Francavilla al Mare dovrà rimanere chiusa fino al ripristino delle condizioni di legalità. Sanzioni amministrative per un totale di 4.400 euro  e prescrizioni penali per 7.466 euro

Lavoratore irregolare e scarico delle acque reflue senza l'uso di un depuratore. I carabinieri della stazione di Francavilla e i forestali di Chieti, congiuntamente al nucleo ispettorato del lavoro teatno (Nil) e al Nipaaf (nucleo investigativo polizia ambientale agroalimentare e forestale), hanno ispezionato un autolavaggio di Francavilla, gestito da un cittadino di nazionalità pakistana per il controllo di eventuali lavoratori irregolari, al rispetto delle norme ambientali e la verifica di presenza di cittadini irregolari sul territorio nazionale.

Gli accertamenti hanno permesso, quindi, di verificare che all'interno dell'autolavaggio prestava servizio un lavoratore di nazionalità pakistana senza contratto di lavoro e lo scarico abusivo delle acque reflue dei lavaggi confluiva direttamente in fognatura, seppur presente un piccolo impianto di depurazione che però non veniva acceso ed utilizzato. I tre cittadini pakistani trovati a lavoro erano in regola con i permessi di soggiorno.

Sono scattate sanzioni amministrative per un totale di 4.400 euro  e prescrizioni penali per 7.466 euro. Per lo scarico abusivo è stato denunciato il gestore sono stati eseguiti i prelievi delle acque. Sul posto è intervenuto anche il personale dell’aca abruzzo che gestisce l’impianto di depurazione.

I campioni di acqua saranno analizzati nei laboratori dell’Arta abruzzo.

Al termine dell’ispezione nell’autolavaggio, dunque, è scattata la sospensione dell’attività imprenditoriale per lavoro nero, essendo stato impiegato un lavoratore senza assunzione. Sono state riscontrate anche altre irregolarità: tre lavoratori non sono stati sottoposti a visite mediche preassuntive, non è stato redatto il documento di valutazione dei rischi e le acque reflue industriali sono state scaricate in assenza di autorizzazione. nei confronti del gestore, pertanto, l’attività dovrà rimanere chiusa fino al ripristino delle condizioni di legalità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrata ditta di autolavaggio dai carabinieri: acque sporche scaricate nella fognatura e lavoratori in nero

ChietiToday è in caricamento