Una tonnellata di molluschi pescati abusivamente: sequestrati e distrutti

L'operazione della guardia costiera di Ortona è scattata ieri mattina, dopo un lungo monitoraggio. Elevate sanzioni per 3.500 euro

Una tonnellata di militi pescati abusivamente è stata sequestrata dalla guardia costiera di Ortona, a seguito di un’operazione di controllo e prevenzione contro la pesca abusiva, svolta in collaborazione con i carabinieri del Nas di Pescara, con una pattuglia del 112 del comando di ortona e con il servizio veterinario della Asl

I molluschi sequestrati erano stati pescati in zone di mare non mappate e stoccati all’interno del porticciolo turistico, senza alcuna autorizzazione sanitaria e senza monitoraggio dei servizi sanitari. 

Le forze dell’ordine monitoravano da tempo la situazione e ieri (lunedì 6 giugno), alle prime luci dell’alba è scattato il blitz, finito con il sequestro di circa una tonnellata di mitili, detenuti impropriamente in reti immersi in acqua dai moli di Rocca San Giovanni. Si tratta di prodotti dalla dubbia provenienza, per cui non si esclude la pesca nell’area delle piattaforme petrolifere antistanti la costa. I molluschi erano pronti per la vendita e per il consumo alimentare. 

Per la buona riuscita dell’intervento è stato necessario che i Militari si tuffassero in acqua ai fini del rinvenimento e del recupero del prodotto. L’operazione è stata duramente  contrastata dai  responsabili dell’illecito ed ha richiesto l’intervento dei Militari dell’Arma. Complessivamente sono state elevate 3 sanzioni per circa 3.500 euro e i molluschi sono stati sequestrati e distrutti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’operazione rientra nella più generale tutela della salute pubblica e proseguirà sempre più serrata contro i punti di ristorazione e gli esercizi pubblici che mettono in vendita e distribuiscono mitili e prodotti ittici privi di tracciabilità e bollo sanitario, non transitando per  i centri di distribuzione e per i centri di depurazione legalmente autorizzati. Per questi esercizi pubblici sono previste sanzioni fino a 24mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quattro nuovi corsi di laurea all’università “d’Annunzio”

  • Schianto auto-scooter a Miglianico, gravissimo un giovane di 26 anni [FOTO]

  • Referti falsi via WhatsApp dopo gli esami: nei guai una ginecologa della Asl di Chieti

  • Muore a 15 anni dopo lo schianto con lo scooter: terribile lutto a San Giovanni Teatino

  • Ladri in gioielleria a Megalò, scatta l'allarme e perdono parte dei preziosi lungo i corridoi

  • Denunciati i responsabili dell'incendio al chiosco "La Villetta kebab" in piazza Garibaldi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento