menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Nessuna rintracciabilità sul bestiame, i Nas sequestrano 60 animali

Gli accertamenti sono partiti da una macelleria che proponeva vendita di carne a km 0 (di cui i militari non hanno diffuso il nome)

I carabinieri del Nas di Pescara, in collaborazione con il personale del dipartimento di prevenzione della Asl di Chieti, hanno sottoposto a vincolo 60 capi di animali da reddito, poiché detenuti in assenza di marche auricolari e altri documenti di identificazione e rintracciabilità.

Gli accertamenti sono partiti da una macelleria che proponeva vendita di carne a km 0 (di cui i militari non hanno diffuso il nome). Attraverso i codici di stalla, gli accertamenti nella banca dati dell’anagrafe bovina e le procedure di rintracciabilità, i militari per la tutela della salute hanno ricostruito l’intera filiera della carne.

Giunti in un insediamento zootecnico del chietino, i carabinieri hanno potuto rilevare la presenza di numerosi capi di bestiame, delle specie bovina, ovina, suina e caprina, allevati e detenuti senza possibilità di esaustiva identificazione.

Solo gli accertamenti e le valutazioni tecnico-scientifiche potranno stabilire se quegli animali potranno, o meno, finire sulle tavole abruzzesi sotto forma di prodotti carnei.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento