rotate-mobile
Cronaca

"Siamo venuti a farle il vaccino", ma è una scusa per entrare in casa di un'anziana

L'ultima segnalazione arriva dal quartiere Santa Maria, dove due uomini si sono presentati come operatori sanitari della Asl. In caso di visite sospette o dubbie, è sempre consigliato chiamare carabinieri o polizia

Il vaccino anti Covid usato come scusa per cercare di entrare in casa degli anziani e, verosimilmente, derubarli. È quanto accaduto nella giornata di ieri in zona Santa Maria. 

Dopo il tentativo di qualche giorno fa a Brecciarola, quando malintenzionati hanno cercato di introdursi in un'abitazione fingendo di dover consegnare una pianta, torna la massima allerta in città. 

L'ultima segnalazione arriva dal centro, dove, secondo la testimonianza di una persona vicina all'anziana presa di mira, due uomini, uno dei quali alto e robusto, hanno suonato a casa di un'anziana qualificandosi come sanitari della Asl, che dovevano farle il vaccino. 

I vicini di casa hanno allertato le forze dell'ordine. 

In questi casi, i consigli sono sempre gli stessi: tenere occhi e orecchie ben aperti, soprattutto per aiutare i più fragili, che magari possono cadere nella rete di ladri o truffatori; e, in caso di visite dubbie o sospette, chiamare sempre carabinieri o polizia per chiedere aiuto. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Siamo venuti a farle il vaccino", ma è una scusa per entrare in casa di un'anziana

ChietiToday è in caricamento