rotate-mobile
Cronaca Centro / Piazza Nicola de Laurentis

Scuole abbandonate a Chieti: il tricolore sgualcito alla finestra delle "Nolli"

La scuola primaria "Nolli" dietro Prefettura e Questura è vuota, abbandonata alla mercé dei vandali che hanno imbrattato di scritte il pozzo lì davanti e bruciato il portone d'ingresso. Da una segnalazione del Censorino Teatino

Il tricolore italiano sgualcito e scolorito sulla finestra della scuola "Nolli", è un po' il simbolo del nostro Paese prostrato dai debiti, dove tutto va in rovina nell'incuria.

Anche questa storica scuola di Chieti è chiusa da anni e non è più stata riaperta. Attualmente è desolatamente vuota, abbandonata alla mercé dei teppisti e dei vandali che hanno imbrattato di scritte il pozzo davanti la scuola e hanno bruciato il portone d'ingresso. Ci sono ancora le decorazioni dei bambini alle finestre e la bandiera italiana che sta sugli edifici pubblici, come se il tempo si fosse fermato in quello sciagurato giorno in cui la scuola è stata chiusa. Ora l'area si presenta in uno stato desolante e degradante.

Secondo quanto ci è stato riferito, anche questa scuola  è stata oggetto di atti vandalici che avrebbero interessato i locali interni. Pare che i teppisti siano penetrati da delle porti laterali a vetro non chiuse bene, difese solo da un cancelletto facilmente valicabile. I danni non sono ancora stati quantificati.

Corre voce che nell'area di fronte alla scuola e dietro ai palazzi delle autorità governative e giudiziarie, piazza De Laurentiis, si spiacci droga.

Chiediamo alle autorità comunali se e quando riapriranno le "Nolli" e cosa intende fare il Comune di Chieti di questa struttura. Inoltre, si chiede al Prefetto di Chieti di intensificare i controlli su piazza De Laurentiis per reprimere eventuali "strani movimenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuole abbandonate a Chieti: il tricolore sgualcito alla finestra delle "Nolli"

ChietiToday è in caricamento