Scuolabus senza assicurazione, con sedili rotti e cinture non funzionanti: sequestri e sanzioni - FOTO

Emergenza covid e trasporto scolastico: scattano i maxi controlli della polizia stradale sugli scuolabus

Pullman privi di assicurazione, cinture di sicurezza non funzionanti, falsificazione dei tagliandi di revisione e trasporti scolastici abusivi senza autorizzazione: è quanto hanno rilevato gli uomini della polizia stradale di Chieti nei numerosi controlli sul trasporto scolastico, disposti a seguito del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per verificare anche il rispetto della normativa anti Covid.

I controlli delle pattuglie della Polstrada, coordinate dal comandante Fabio Polichetti, hanno interessato alcuni comuni della provincia.

A Gissi tre dei pullman controllati non erano in regola: in particolare uno scuolabus, dopo aver fatto scendere davanti ad una scuola decine di piccoli alunni della primaria, è risultato totalmente privo di assicurazione obbligatoria Rca, situazione assolutamente da censurare in relazione anche alla sicurezza per i piccoli alunni in caso di incidente. il mezzo era anche privo dei martelletti frangivetri, obbligatori per legge. È quindi scattato il sequestro, mentre  il conducente è stato sanzionato con un verbale di oltre 800 euro. 

Un altro pullman è stato invece sanzionato dopo aver riscontrato gravi irregolarità come cinture di sicurezza non funzionanti e alcuni sedili completamente rotti e non ancorati. I controlli approfonditi degli agenti della Stradale presso la ditta hanno permesso di appurare che il pullman in questione era totalmente privo dell’autorizzazione regionale ad effettuare il trasporto scolastico: anche qui pesanti  sanzioni per trasporto scolastico abusivo sono state elevate al titolare. Inoltre, dall’esame della carta di circolazione di uno dei mezzi è emersa anche un’alterazione del tagliando della revisione, in modo tale da far risultare una revisione, in realtà mai effettuata: la carta di circolazione è stata subito sequestrata e il titolare denunciato all’autorità giudiziaria per il reato di falso.

Nei prossimi giorni il comando di polizia stradale intensificherà ulteriormente i controlli.

AGGIORNAMENTI.

In merito ai controlli effettuati, la polizia stradale di Chieti precisa che il mezzo trovato senza assicurazione Rca non era uno scuolabus di proprietà del Comune di Gissi, ma di un altro Comune del vastese.

Inoltre, in relazione all’altro pullman sanzionato per inefficienza del mezzo (sedili e cinture di sicurezza non funzionanti), si precisa che il mezzo è di proprietà una ditta di trasporto privata, che non aveva la regolare autorizzazione regionale per il trasporto scolastico e in maniera arbitraria ha utilizzato mezzi non idonei.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

  • Coronavirus: 560 nuovi contagi e 12 morti in Abruzzo nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus: 705 nuovi contagi e 10 morti in Abruzzo nelle ultime 24 ore

Torna su
ChietiToday è in caricamento