Resti e indumenti trovati sulla Majella: tutto porta a Valerio D'Ettorre

Le chiavi e l'abbigliamento appartengono all'ex fotografo teatino scomparso nel 2015. Si attende l'esame del Dna per l'ufficialità

L’ufficialità che i resti ritrovati lunedì scorso sulla Majella, nei pressi del bivacco Fusco, siano di Valerio D’Ettorre potrà arrivare solo dopo l'esame del Dna ma i vestiti e le chiavi recuperati accanto alle ossa appartengono proprio al fotografo scomparso nel 2015 all'età di 59 anni.

Le tracce dell’ex fotografo del quotidiano Il Tempo, conociuto a Chieti come Valerio "Ventitrè" si perdono a fine settembre del 2015, ma la denuncia di scomparsa viene presentata in questura il due ottobre dai parenti di Valerio.

Al momento non è possibile capire cosa è accaduto a D’Ettorre in quei giorni. Ora il Dna di Valerio sarà isolato e comparato con quello di sua nipote.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

  • La migliore pizzeria delivery di Chieti è Fermenta: il punto di vista del titolare Luca Cornacchia

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

Torna su
ChietiToday è in caricamento