Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Tradito dal tatuaggio al polpaccio, arrestato dieci mesi dopo lo scippo

Giovanni Battista Di Martino, 52 anni, di Castellamare di Stabia, è stato riconosciuto responsabile di furto con strappo. L'ordinanza di custodia cautelare gli è stata notificata a Vasto, dove era già detenuto in una casa lavoro per una condanna precedente

È stato tradito dal tatuaggio sul polpaccio, notato dalla donna che ha scippato. Così, 10 mesi dopo lo scippo messo a segno a Pompei, gli è stata notificata un’ordinanza di custodia cautelare a Vasto, dove è detenuto in una casa lavoro per una precedente condanna per furti con strappo commessi a Castellammare di Stabia (Napoli). 

Destinatario del provvedimento emesso dal gip di Torre Annunziata ed eseguito dai carabinieri della stazione di Pompei (Napoli) è Giovanni Battista Di Martino, 52 anni, di Castellamare. 

Secondo quanto ricostruito dalle indagini, a luglio dell’anno scorso, Di Martino scippò la borsa a una turista napoletana di 64 anni, appena uscita da un supermercato nei pressi degli scavi archeologici di Pompei. L’uomo, arrivato in sella a uno scooter, affiancò la vittima strappandole la borsa, per poi fuggire immediatamente. 

La turista andò immediatamente a denunciare il fatto ai carabinieri della stazione di Pompei, descrivendo lo scippatore nei dettagli, compreso l’abbigliamento e il tatuaggio sulla gamba. 

Elementi che, insieme alle immagini di videosorveglianza del supermercato, sono andati a formare il quadro indiziario, risalendo a Di Martino

I carabinieri hanno sequestrato inoltre lo scooter, il casco e gli indumenti utilizzati il giorno della rapina. E il gip di Torre Annunziata ha emesso la misura cautelare in carcere

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tradito dal tatuaggio al polpaccio, arrestato dieci mesi dopo lo scippo

ChietiToday è in caricamento