Cronaca

Sciopero del trasporto pubblico in Abruzzo, si bloccano 11 aziende

La proteste interesserà Ama, Tua, Di Fonzo, Napoleone, La Panoramica, Cerella, Satam, Baltour, tessitore, Di GiacomoAngelo Domenico & C., Centro Turistico del Gran Sasso

Stop di 4 ore del trasporto pubblico regionale venerdì prossimo (15 settembre). È lo "sciopero politico" indetto da Filt Cgil Abruzzo e Cgil regionale contro "le modalità di riorganizzazione del trasporto pubblico locale - dicono - e, più in generale, la politica regionale dei trasporti".

La protesta interesserà undici aziende (Ama, Tua, Di Fonzo, Napoleone, La Panoramica, Cerella, Satam, Baltour, tessitore, Di GiacomoAngelo Domenico & C., Centro Turistico del Gran Sasso).

I motivi sono, tra l'altro, la "mancata definizione dei servizi minimi e di un piano regionale integrato sui trasporti"; "decontribuzione di importanti tratte interregionali"; "affidamento in house e cessione di ramo d'azienda"; "investimenti materiale rotabile".

"La Regione - dicono la Cgil - sconta ritardi e gravissime responsabilità in materia di programmazione dei servizi minimi la cui mancata legiferazione e definizione rappresenta per la Filt Cgil, la vera priorità della nostra Regione in cui persiste di fatto uno scenario emergenziale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero del trasporto pubblico in Abruzzo, si bloccano 11 aziende

ChietiToday è in caricamento