menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo Chieti, la Sportlife non paga gli stipendi alla piscina di Lanciano: scatta lo sciopero

I lavoratori hanno deciso di incrociare le braccia fino a lunedì. Il sindaco Pupillo: "Il gestore non risponde alle mie convocazioni"

Dopo i problemi allo Stadio del nuoto di Chieti di qualche settimana fa, anche a Lanciano i dipendenti della piscina Le Gemelle protestano contro il gestore Sportlife e rivendicano il pagamento degli stipendi. Proprio per questi ritardi, i 40 lavoratori dell'impianto del quartiere Santa Rita hanno deciso di incrociare le braccia e sospendere tutte le attività fino a lunedì, spiegando con cartelli sul cancello serrato le ragioni della protesta. 

Secondo quanto lamentano i lavoratori, gli stipendi non vengono pagati regolarmente da tempo: addirittura, solo la scorsa settimana hanno ricevuto il compenso per il mese di dicembre, mentre non ci sono garanzie per gennaio, febbraio e marzo. 

Per questo, l'unico modo di far sentire la propria voce è bloccare i servizi per i 2.300 iscritti, nei confronti dei quali si scusano, spiegando di averle provate tutte per cercare un incontro con il gestore Sportlife. 

Intanto il sindaco Mario Pupillo esprime solidarietà ai lavoratori, raccogliendo il loro appello anche a tutela dell'importante struttura di proprietà comunale. Commenta il primo cittadino: 

Siamo e saremo al fianco dei lavoratori di una struttura sportiva pubblica, moderna e funzionale che è diventata negli anni un punto di riferimento dell'intero comprensorio frentano, grazie al lavoro e alla dedizione dei dipendenti, come testimoniano i numeri degli accessi ai corsi e alla struttura. Faremo tutto il possibile per salvaguardare questo importante patrimonio di competenze professionali a servizio di una struttura importante per tutta la comunità lancianese e frentana. 

Pupillo racconta di aver convocato l'amministratore unico della Sportlife, Vincenzo Serraiocco, in Comune per lo scorso 15 marzo. Tuttavia, non ha avuto alcuna risposta alla convocazione, né chiarimenti sulla situazione amministrativa del centro sportivo Le Gemelle. 

Stamani, il sindaco ha incontrato i lavoratori, convocando nuovamente Serraiocco per lunedì 25 marzo, alle ore 9, nel suo ufficio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento