Cronaca Atessa

Un esposto a tutela della salute dei lavoratori Sevel, Usb indice lo sciopero

Intanto i consiglieri regionali Smargiassi e Taglieri criticano il cosiddetto Ultimo miglio e invocano la sistemazione dell'area di sosta dei pullman

Sciopero indetto dalla Usb, alla Sevel di Atessa, per il turno di lavoro di recupero produzione previsto per sabato 30 marzo. 

In una nota, il sindacato spiega che

ridurre gli orari e ripartire il lavoro e? uno dei modi piu? rilevanti per rispondere ai guasti provocati dalla crisi economica. A fronte del crescente livello della disoccupazione, in particolare di quella giovanile, la riduzione degli orari di lavoro puo? aiutare a difendere i livelli di occupazione.

Il rapido avanzamento dello sviluppo tecnologico (industria 4.0), tra l’altro finanziato dagli ultimi Governi con ingenti risorse pubbliche, provochera? la perdita di tantissimi posti di lavoro ed e? un grave errore antistorico incentivare gli straordinari e ancor di piu? continuare a proporre i recuperi produttivi.

Per l’Usb e? il tempo di ridiscutere un contratto capestro e ancor piu? un modello di lavoro che non ha futuro per i lavoratori. È tempo di chiedere una riduzione dell’orario di lavoro a parita? di salario: la richiesta della Sevel di passare ai 17 turni e? l’occasione per riprendersi la contrattazione di 2° livello negata dal Ccsl. La nostra proposta, gia? inviata a Sevel, di passare a 4 turni da 6 ore dal lunedi? al venerdi? ed un turno da 6 ore al sabato mattino puo? essere la base su cui discutere unitariamente per arrivare ad un risultato che soddisfi anche le esigenze dei lavoratori.

La Sevel, con la complicita? dei sindacati firmatari del Ccsl, abituati al solito schema aziendale “il padrone comunica e loro eseguono”, ha sempre usato la stessa ricetta senza nemmeno prendere minimamente in considerazione cio? che noi abbiamo proposto per evitare di far ricorso allo straordinario e al recupero delle fermate produttive per responsabilita? di certo non imputabili ai lavoratori.

Riteniamo del tutto improponibile continuare a proporre recuperi produttivi, crediamo sia corretto coprire le giornate di non lavoro con un Par collettivo, visto che e? contrattualmente previsto, e consentire un riposo ai lavoratori ormai da diversi anni super sfruttati . Chiediamo che venga aperta una discussione democratica ed una trattativa per dar vita ad una organizzazione dei turni lavorativi 4.0 con riduzione dell’orario settimanale a parita? di salario.

Il sindacato ha anche presentato un esposto ad Asl, Inail, Itl e alla procura di Lanciano, per denunciare le condizioni che mettono a repentaglio la salute dei lavoratori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un esposto a tutela della salute dei lavoratori Sevel, Usb indice lo sciopero

ChietiToday è in caricamento