Cronaca

Chieti, sciopero dei benzinai dall'8 al 10 novembre

Si tratta dei primi tre giorni di stop, su un pacchetto di 15 giorni. A rischio di fallimento circa 25.000 piccole imprese e 140.000 posti di lavoro

I primi dei 15 scioperi previsti ci saranno l'8, il 9 e il 10 novembre. Sia i benzinai sulla viabilità ordinaria che quelli sulle autostrade chiuderanno le loro pompe per protestare contro Governo, inadempiente rispetto agli impegni più volte assunti nei confronti della categoria, mettendo a rischio di fallimento circa 25.000 piccole imprese e i 140.000 posti di lavoro degli addetti occupati.

Il lungo stato di agitazione è stato proclamato dal Coordinamento nazionale unitario dei Gestori di Faib Confesercenti e da Fegica Cisl. In particolare si contesta "la mancata liberalizzazione del settore che impedisce letteralmente alle piccole imprese di gestione di competere sul libero mercato, senza contare la decisione di azzerare l'abbattimento forfettario che in passato è stato utilizzato per riconoscere alla categoria il ruolo essenziale di 'sostituto d'imposta' ricoperto a favore dello Stato".

Ma per il Casper, il Comitato contro le speculazioni e per il risparmio, lo sciopero rischia di trasformarsi in una maxi-speculazione a danno dei cittadini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chieti, sciopero dei benzinai dall'8 al 10 novembre

ChietiToday è in caricamento