menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giustizia lumaca per carenza di organico, scioperano gli avvocati di Vasto

Il 18 marzo, si asterranno dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore civile e penale

Anche gli avvocati di Vasto decidono di incrociare le braccia, per protestare contro la grave carenza di organico del tribunale, dove non c'è sufficiente personale amministrativo, con tutti i disagi che questo comporta per la normale attività del palazzo di giustizia. I legali, lunedì 18 marzo, si asterranno dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore civile e penale. 

La protesta è stata stabilita dal consiglio dell'ordine forense, che in una nota spiega:

La sostanziale eliminazione della pianta organica del personale amministrativo del tribunale di Vasto, intervenuta nel dicembre 2016 a seguito della prevista chiusura dello stesso per la data del settembre 2018, sta determinando la impossibilità dell'avvicendamento di personale reso necessario dai pensionamenti intervenuti, nonostante la detta chiusura sia stata prorogata al 2021.

Per gli avvocati del foro di Vasto, questa situazione è

intollerabile e non conciliabile con alcun principio di corretta amministrazione, non risponde alla domanda di giustizia del cittadino, non permette il sereno operare degli addetti, né assicura il regolare svolgimento delle attività quotidiane. In particolare, la carenza di assistenti giudiziari (presenti solo in numero di 3 a fronte degli 11 previsti nell'organico) rende estremamente difficoltoso lo svolgimento delle attività d'udienza penale in un territorio che è da tempo teatro di un preoccupante incremento di fenomeni criminosi; basti a tale proposito ricordare che negli ultimi 4 anni sono stati celebrati a Vasto 2 importanti processi coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia, con il coinvolgimento di oltre 100 imputati.

È del tutto irrazionale che, a fronte delle intervenute due proroghe della data di chiusura, non si siano previsti da parte del competente ministero, adeguati interventi di coordinamento volti a garantire agli uffici interessati l'adeguata dotazione di personale amministrativo; tale evenienza è tanto meno comprensibile ove si consideri che il Consiglio Superiore della Magistratura, già a seguito della proroga intervenuta nella primavera del 2017, con l'adozione del cosiddetto 'decreto terremoto', ha disposto il ripristino delle piante organiche dei magistrati, il cui organico è completo ed operante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Abruzzo in zona arancione: cosa cambia da oggi

Attualità

Variante inglese del Covid, boom di casi a Guardiagrele

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento