Cronaca

Non solo cervelli in fuga: i successi nella ricerca della dottoressa teatina

Sara Matricardi, 36 anni, è l'unica italiana della sua età ad aver conseguito la doppia specializzazione in Neuropsichiatria infantile e in Pediatria

A 36 anni è l’unica in Italia ad aver conseguito la doppia specializzazione in Neuropsichiatria infantile e in Pediatria e le sue ricerche nel campo dell’epilettologia e delle malattie rare pediatriche l’hanno fatta apprezzare nel mondo scientifico europeo. Tanto merito è della teatina Sara Matricardi, che dopo la maturità al liceo scientifico Masci, ovviamente con il massimo dei voti, si è iscritta alla facoltà di Medicina dell’università di Chieti, per poi inanellare una serie di successi che hanno dato lustro al suo impegno e anche alla sua città. La dimostrazione che non tutti i cervelli che valgono scelgono di andare all'estero, ma c'è anche chi vuole restare nella propria terra per costruirsi un futuro di successi.

Dalla laurea, la dottoressa teatina non si è più fermata. Prima la specializzazione in Neuropsichiatria infantile all’università dell’Aquila, poi quella in Pediatria, di nuovo alla d’Annunzio. Ma, pur restando legatissima alla sua terra d’origine, dove ha scelto di formarsi, lo studio e il lavoro l’hanno portata anche fuori Abruzzo.

Durante gli anni di studio universitari e di specializzazione ha frequentato più volte importanti internati a Parigi con il professor O. Dulac presso l’Hôpital Necker Enfants Malades, a Milano con la professoressa Tiziana Granata presso la Fondazione Irccs Istituto Neurologico “Carlo Besta”, e altri centri universitari italiani dedicandosi anche ad un’intensa attività di ricerca scientifica e correlate pubblicazioni nelle più prestigiose riviste scientifiche internazionali.

E l’impegno nello studio le è valso numerosi riconoscimenti e menzioni da parte di importanti società scientifiche, tra cui Lice (Lega Italiana Contro l’Epilessia), Ilae (International League Against Epilepsy), Sinpia (Società Italiana di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza), e Sinp (Società Italiana di Neurologia Pediatrica), che non solo sottolineano la validità scientifica della giovane ricercatrice, ma evidenziano anche la eccellente qualità formativa delle istituzioni universitarie abruzzesi da lei frequentate.

Una storia densa di successi, che certifica non solo le qualità della dottoressa teatina, ma anche la validità degli atenei d’Abruzzo. Dopo la laurea a Chieti e le specializzazioni prese in Abruzzo, infatti, grazie al suo impegno e alla sua passione, Sara Matricardi ha conquistato un apprezzamento che ormai va ben oltre i confini regionali, assicurandole un brillante prosieguo della carriera professionale e clinica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non solo cervelli in fuga: i successi nella ricerca della dottoressa teatina

ChietiToday è in caricamento