menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Guardiagrele: visita ispettiva di Sara Marcozzi (M5s) all'ospedale

"Il Governo Pd - accusa la consigliera - ha inferto un colpo mortale al già depotenziato ospedale di Guardiagrele, trasformando il Pronto Soccorso in Punto di Primo Intervento, riducendo gli orari dei reparti di diagnostica e dei laboratori"

Visita ispettiva della consigliera regionale Sara Marcozzi (Movimento 5 stelle), questa mattina (sabato 11 giugno), all'ospedale civile Santissima Immacolata di Guardiagrele, per verificare l'offerta sanitaria erogata al bacino di utenza del territorio. 

"Siamo di fronte all'ennesima conferma che il piano di riorganizzazione della rete ospedaliera targato D'Alfonso-Paolucci è una sciagura" commenta Sara Marcozzi, dopo aver terminato il giro fra le corsie del nosocomio di Guardiagrele. "Il Governo Pd ha inferto un colpo mortale al già depotenziato ospedale di Guardiagrele, trasformando il Pronto Soccorso in Punto di Primo Intervento, riducendo gli orari dei reparti di diagnostica e dei laboratori - prosegue - Si tratta del solito gioco della semantica delle parole con cui il governo PD racconta di 'riorganizzare' o 'risanare' la salute mentre, in realtà, taglia i servizi".

Infatti, la riduzione delle ore di Radiologia e Laboratorio, fa si che il Punto di Primo Intervento funga, per gran parte degli accessi, solo da centro di smistamento verso gli ospedali di livello superiore di Chieti o Lanciano, senza di fatto fornire alcuna prestazione. Un esempio di caso concreto: un paziente con possibili problemi cardiaci in corso, dopo le ore 20, dovrà essere trasferito in ambulanza in altre strutture in grado di prestare cure.
Altra questione sollevata dai cittadini che si oppongono al depotenziamento della struttura, è la cancellazione dei posti letto di medicina generale per le acuzie che costringono pazienti e familiari a quotidiani trasferimenti verso il capoluogo teatino da un territorio dal quale, soprattutto in inverno per via delle caratteristiche oleografiche del territorio, gli spostamenti risultano assai difficili.

"Risolvere i problemi sanitari del territorio - conclude Marcozzi - dovrebbe essere una priorità per questo governo, anche in considerazione del sovraffollamento degli ospedali maggiori, invece si distrugge la sanità nelle zone periferiche e si abbassa la qualità delle cure nei grandi centri, basti pensare alle numerose barelle lungo i corridoi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento