menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stavano per portare 50 bambini in gita con gravi irregolarità: sanzionati due autisti di pullman

La stradale ha controllato due pullman pronti a partire: la cintura di sicurezza di uno dei due mezzi era rotta, mentre il secondo conducente non aveva rispettato le ore di riposo imposte dalla normativa nazionale ed europea

Stavano per partire con 50 bambini a bordo, oltre a insegnanti e accompagnatori, per un viaggio d’istruzione. Ma la polizia stradale ha controllato a fondo due pullman, dopo aver riscontrato diverse irregolarità, che avrebbero potuto mettere a serio rischio i passeggeri.

I controlli della polizia stradale di Chieti fanno parte del protocollo fra il ministero dell’Istruzione e quello dell’Interno e prevedono un controllo ancora più approfondito ai pullman, in occasione delle gite scolastiche. Come prevede il protocollo, la scuola ha l’obbligo di informare la polizia stradale prima della partenza. E gli agenti, il giorno della gita, fanno approfonditi controlli, a tutela di tutti i ragazzi, non solo sul mezzo, ma anche sulle condizioni del conducente.

Vengono verificati la regolarità dei documenti, l’efficienza del mezzo, le condizioni degli pneumatici, le cinture di sicurezza, le uscite di emergenza, la cassetta di pronto soccorso. Inoltre, viene fatta una valutazione sulle condizioni psicofisiche dell’autista. E proprio questi controlli estremamente approfonditi, stamani, hanno permesso alle pattuglie della stradale di Chieti e del distaccamento di Lanciano di scoprire che qualcosa non andava.

Una cintura di sicurezza era rotta: in caso di incidente, non avrebbe assolto al suo compito di trattenimento. L’autista ha ricevuto una salata sanzione e quel posto non potrà essere occupato da nessuno. Nel secondo pullman, era il conducente a non essere in regola: non aveva ultimato le ore di riposo imposte dalla normativa nazionale ed europea, facendone solo 7, anziché le 11 previste. L’uomo e la ditta per cui lavora sono stati severamente sanzionati; inoltre, la comunicazione della violazione verrà inoltrata all’ispettorato del lavoro per tutti gli accertamenti.

I controlli della Stradale sui pullman e sulle gite scolastiche saranno ulteriormente intensificati in questo periodo per garantire la massima sicurezza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento