Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca San Salvo

San Salvo, rinviato a febbraio il processo sull'autovelox selvaggio

Rinviata al prossimo 15 febbraio la vicenda giudiziaria per l'utilizzo dell'autovelox sulla Statale 650 Fondovalle Trigno: a giudizio 16 persone e 272 automobilisti costituitisi parte civile che contestano 322 multe

Autovelox selvaggio: così è stato definito il dispositivo per rilevare la velocità dei veicoli posto sulla Statale 650 Fondovalle Trigno, che collega l'Abruzzo e il Molise.

Qui, nel periodo compreso tra il 1° ottobre 2007 e il 31 dicembre 2010, sono partite centinaia multe contestate poi dagli automobilisti che hanno chiesto un risarcimento danni complessivo di 88mila euro da dividere tra i comuni di San Giovanni Lipioni, Fresagrandinaria, Lentella, Cupello e Dogliola. Sono 272 gli automobilisti che si sono costituiti parte civile, contestando 322 multe comminate lungo la Trignina.

Una vicenda che vede coinvolte a giudizio 16 persone, tra amministratori comunali, personale della Polizia municipale e delle società di rilevamento della velocità in strada. La prima udienza del maxi processo, è cominciata questa mattina (17 gennaio) al Tribunale di Vasto: imputati tutti assenti, il processo è stato rinviato al prossimo 15 febbraio.

Sono quasi 16mila le sanzioni nel mirino della Procura della Repubblica e, se gli sviluppi processuali dovessero incanalarsi verso le condanne, non si esclude l'avvio di una 'class action', riconsiderando anche i tanti automobilisti multati dal 2005, ma non costituitisi in giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Salvo, rinviato a febbraio il processo sull'autovelox selvaggio

ChietiToday è in caricamento