menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corrono i lavori per riconsegnare alla popolazione la scuola di via Di Nisio

L’ex scuola elementare di San Giovanni Teatino riaprirà a settembre. Il sindaco Marinucci: “Grazie a un finanziamento del Miur riconsegniamo un edificio storico alle famiglie e ai piccoli alunni"

A settembre riaprirà la ex scuola elementare di Via Di Nisio a San Giovanni Teatino e per il prossimo anno scolastico i piccoli alunni avranno a disposizione un plesso in più. Grazie ai fondi MIUR del Piano Triennale Regionale di edilizia scolastica 2015/2017, l’edificio sarà interessato da interventi di adeguamento sismico ed efficientamento energetico, per un totale generale di 720mila euro, di cui 423.722,12 euro di lavori appaltati.

“Quella di Via Di Nisio è una struttura storica di San Giovanni Teatino, dove hanno studiato bimbi che ora sono diventati nonni. Con questa iniziativa - spiega il sindaco Luciano Marinucci – alleggeriremo il plesso di largo Wojtyla della scuola materna, che attualmente occupa i locali di quella della primaria, e trasferiremo le classi dell’Infanzia che attualmente si trovano nel plesso di via Vittorio Emanuele. La struttura di Via Di Nisio è dotata di un’area verde e di un largo parcheggio, nella bellissima cornice delle colline di via Di Nisio”.

La scuola di Via Di Nisio ospiterà al piano terra alcune classi della materna e, al piano superiore, la scuola primaria. Gli interventi di adeguamento sismico prevedono il consolidamento delle murature portanti, mediante apposizione e ripristino volumetrico di strutture in muratura con malta strutturale e rete in vetro; il rinforzo del solaio del secondo impalcato con calcestruzzi fibrorinforzati ad altissima resistenza; l’intervento di incamiciatura in cemento armato delle travi poste al piano terra del salone polivalente.

Per quanto riguarda l’isolamento termico, sarà realizzato un sistema di isolamento a cappotto dello spessore complessivo di 120mm. È previsto inoltre un sistema di coibentazione di isolamento termico in estradosso (spessore 100 mm) dell’impalcato piano di copertura. Saranno rimossi e completamente sostituiti i corpi scaldanti esistenti, con terminali radianti in alluminio e con la dotazione di radiatori con valvole termostatiche. Gli infissi in legno attualmente esistenti, dotati di vetro singolo, saranno completamente sostituiti da infissi in PVC dotati di vetrate termoisolanti. Sarà infine realizzata una centrale termica, con l’installazione di un impianto per l’integrazione solare alla produzione di acqua calda sanitaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento