rotate-mobile
Cronaca

Non ci sono soldi: salta il Buskers festival degli artisti di strada

Sabato scorso la riunione in cui il Comune ha comunicato di poter mettere a disposizione solo 15mila euro, a fronte dei 37mila e 500 richiesti dall'associazione Chietinstrada. "L'anno prossimo - annuncia l'assessore Viola - vareremo una raccolta fondi da sponsor privati"

L'indiscrezione era nell'aria da qualche giorno, ma la conferma è arrivata questa mattina: il Buskers festival non si farà. La rassegna degli artisti di strada diventata tradizione a Chieti, che da 10 anni, a ridosso di Ferragosto, richiamava sul Colle migliaia di persone, non può essere organizzata per mancanza di fondi. Ma oggi l'associazione Chietinstrada, presieduta da Giovanni Di Paolo, alza bandiera bianca e si arrende all'annullamento dei tre giorni di festa.

Viene così meno un appuntamento che, secondo le stime della Camera di commercio, negli anni scorsi ha regalato alla città e all'indotto guadagni fino a 700mila euro. Fra acrobazie, giochi di fuoco e illusioni, il Buskers festival in un decennio ha portato a Chieti artisti di fama mondiale, arrivati da tutti i continenti

“Sabato scorso (8 agosto) - ha spiegato questa mattina (lunedì 10 agosto) in conferenza stampa Di Paolo - siamo stati convocati dal neo assessore comunale Antonio Viola, che ci ha comunicato che non erano più disponibili i 37mila e 500 euro che ci erano stati promessi. Senza questa somma, che equivale alla metà di quanto da ipotizzavamo di spendere, è impossibile fare il festival”. Gli organizzatori, compreso il responsabile organizzativo Antonello Angiolillo, sono amareggiati e furiosi. Anche perché, visto il breve preavviso, si erano già mossi da tempo per chiamare gli artisti, che per fortuna non avevano ancora firmato un contratto, ma gli accordi  erano stati presi a voce. 

Resta confermata, invece, "Artisti distra...tti" l'alternativa al Buskers festival, organizzata dai titolari dei locali di via Toppi e porta Pescara perché, secondo quello che sarebbe dovuto essere il programma della manifestazione "ufficiale", il quartiere sarebbe rimasto sguarnito di eventi. Ma la notizia dell'annullamento della festa non è stato accolto con piacere dagli organizzatori del "controevento", che si dicono rammaricati. 

Intanto, a poche ore dalla conferenza stampa di Chietinstrada, è arrivata anche una nota ufficiale dal Comune, in cui l'assessore alla Cultura Antonio Viola conferma la mancata disponibilità dei fondi richiesti dall'associazione, sebbene il Comune avesse messo a disposizione 15mila euro, per saldare la Siae e pagare gli alloggi degli artisti. "Sarebbe stato opportuno - commenta Viola - svolgere il festival in maniera ridotta, tagliando qualche spesa, per poi rilanciare l'evento il prossimo anno", ma questa ipotesi non è stata condivisa dagli organizzatori. 

Il flop del 2015, però, si chiude con una promessa per il prossimo anno: "Sarà cura dell'amministrazione - garantisce l'assessore - varare un programma di raccolta fondi per consentire, tramite il supporto dei privati, lo svolgimento del festival degli artisti di strada a pieno regime".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non ci sono soldi: salta il Buskers festival degli artisti di strada

ChietiToday è in caricamento