menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Roccamontepiano piange Padre Amedeo Di Carlo, il prete-partigiano

Il parroco di San Rocco e Rettore del presidio del Chierici Regolari Minori è venuto a mancare ieri mattina all'età di 93 anni

L’ordine dei Chierici Regolari Minori di San Francesco Caracciolo e la comunità di Roccamontepiano piangono la scomparsa dell'ex parroco Amedeo Di Carlo, morto ieri mattina nel suo amato convento roccolano.

Originario della Marche, Padre Amedeo si trasferì a Roccamontapiano da giovane dove è stato anche insegnante presso il seminario caracciolino. Tenace, nonostante i suoi 93 anni è mancato improvvisamente all’affetto dei suoi cari, lasciando un vuoto difficile da colmare soprattutto per la famiglia dell’Ordine dei Chierici Regolari Minori e alla comunità di Roccamontepiano e quella della parrocchia di San Rocco.

Le esequie saranno celebrate martedì 24 aprile alle 11 nel santuario di San Rocco, partendo anticipatamente dal convento San Francesco Caracciolo a Roccamontepiano dove da ieri la salma è esposta a tutti i visitatori. Il fuenrale sarà celebrato dall'arcivescovo mons. Bruno Forte.

“Con profondo dolore e commozione, partecipo alla dipartita del caro Padre Amedeo Di Carlo, divenuto nostro concittadino e guida spirituale di tutta la comunità. Egli è stata una importante guida pastorale al servizio di tutti, anche quando con tanti anni alle spalle riusciva a concelebrare messa insieme ai suoi confratelli" ha ricordato il sindaco di Roccamontepiano, Adamo Carulli.

Ai tanti messaggi giunti ai Padri di San Francesco Caracciolo quelli del vicepresidente del CSM Giovanni Legnini e del presidente della Regione Abruzzo Luciano D'Alfonso.

L'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia sezione Provinciale di Chieti, con un manifesto di cordoglio ha voluto ricordare come Padre Amedeo, prima di diventare sacerdote ha combattuto nella lotta di liberazione sui monti maceratesi nelle brigate bianche partigiane. Una eroica adesione gli è valsa la medaglia e l'attestato del Presidente della Repubblica tre anni fa, in occasione delle celebrazione del settantesimo anniversario della liberazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento