rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca Ortona

Ripascimento con sabbia tra la spiaggia di Tollo e l'Arielli: il Wwf si oppone

Il Wwf interviene a tutela delle dune e del Fratino: il comune di Ortona vorrebbe cavare migliaia di metri cubi di sabbia direttamente dalla spiaggia davanti alle dune. Domani, 3 maggio, la conferenza dei servizi

Il Wwf interviene con una nota per scongiurare  l'ipotesi, avanzata dal comune di Ortona, di utilizzare il tratto di costa tra la stazione di Tollo e la foce dell'Arielli come cava di sabbia per il ripascimento.

La zona indicata come cava di sabbia infatti, ha una rarissima vegetazione dunale e diversi nidi di Fratino ora in fase di cova.

"Il comune vorrebbe cavare migliaia di metri cubi di sabbia direttamente dalla spiaggia davanti alle dune lasciando un franco di 15 metri dal piede della duna, una fascia del tutto insufficiente per evitare che alla prima mareggiata le onde arrivino direttamente sulla vegetazione devastandola" spiega il Wwf che, nella conferenza dei servizi di domani, auspica che la proposta venga respinta.

."Il problema dell'erosione non si risolve aumentando lo stress ambientale a cui viene già sottoposto il litorale - concludono -  ma con interventi sui fiumi, sulla gestione delle spiagge e, soprattutto, proprio con la tutela della vegetazione dunale che trattiene la sabbia in maniera formidabile".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ripascimento con sabbia tra la spiaggia di Tollo e l'Arielli: il Wwf si oppone

ChietiToday è in caricamento