menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Procedura di mobilità lampo e con un solo candidato, rinviato a giudizio l'ex dg dell'università Del Vecchio

E' accusato di abuso d'ufficio. Il gup del tribunale di Chieti ha assolto dalla stessa accusa l’avvocato dell'Ateneo Antonio D'Antonio


L'ex direttore generale dell'università d'Annunzio Filippo Del Vecchio è stato rinviato a giudizio per abuso d'ufficio. È quanto ha stabilito il gup del tribunale di Chieti che invece ha assolto dalla stessa accusa l’avvocato dell'ateneo Antonio D'Antonio, giudicato con il rito abbreviato.

Il processo a carico di Del Vecchio, che non aveva optato per riti alternativi, è fissato al prossimo 3 dicembre. L'accusa di abuso di ufficio era maturata nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Chieti sulla procedura di mobilità aperta nel luglio 2015 dall’università d’Annunzio per la copertura di un posto a tempo indeterminato nella categoria Ep-area amministrativa gestionale per le esigenze dell'area affari legali.

Come contestato dall’accusa nell'avviso di procedura di mobilità venne assegnato, in contrasto con il dettato normativo, un termine per la presentazione delle domande inferiore al termine minimo previsto dalla disposizione di trenta giorni. La procedura invece si consumò in 15 giorni al termine dei quali risultò vincitore l’avvocato D'Antonio, unico partecipante che poi venne assunto a tempo indeterminato. 

Per lui il pm Giancarlo Ciani aveva chiesto la condanna a 10 mesi di reclusione. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento