Recuperate dagli artificieri le bombe trovate nel mare di Fossacesia, riaperta la spiaggia

I sub dell'Esercito hanno monitorato a lungo il fondale per constatare se vi fossero altri residui della Seconda guerra mondiale.

Sono stati rimossi nel pomeriggio di oggi gli ordigni bellici trovati casualmente ieri da un sub, durante un'immersione, nel tratto di spiaggia antistante Fosso Palazzo, al centro del litorale di Fossacesia Marina.

Una squadra di artificieri, scortata da una unità della Capitaneria di Porto di Ortona, è giunta alle 16 nell'area interdetta da ieri alla navigazione e ai bagnanti, e dopo un'ora ha riportato in superficie le piccole bombe semicoperte dalla sabbia, a circa 50 metri dalla spiaggia.

L'intervento di recupero è stato seguito a terra da numerose persone e si è svolto alla presenza del sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio con gli agenti della polizia municipale Mario Mammarella e Luigi Di Berardino.

“Sono grato alla Prefettura di Chieti, alla capitaneria e agli artificieri per la celerità con la quale sono intervenuti e hanno operato per riportare in sicurezza il tratto di mare", ha dichiarato il primo cittadino Di Giuseppantonio.

Oltre a recuperare gli ordini che sono stati fatti brillare a largo, i sub dell'Esercito hanno monitorato a lungo il fondale per constatare se vi fossero altri residui della Seconda guerra mondiale.

La spiaggia è stata riaperta alla balneazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Megalò arriva il colosso irlandese Primark

  • L'Abruzzo torna in zona arancione da domenica

  • Esce dal negozio con le scarpe nuove ai piedi, dopo aver messo le vecchie nella scatola: denunciato

  • Focolaio dopo l'uccisione del maiale: a Pizzoferrato salgono a 71 i positivi

  • Allerta meteo della Protezione civile: nevicate fino a quote collinari

  • "Ti pago 100 euro al mese se mi racconti tutto quello che fa il mio ex”: denunciata

Torna su
ChietiToday è in caricamento