menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rimborsi indebiti ai collaboratori del Museo universitario: Capasso pronto a risarcire l'Ateneo

La Corte dei Conti contesta all'ex direttore ai aver autorizzato i pagamenti. E' lo stesso a renderlo pubblico "in nome della trasparenza di chi si candida a prossimo Rettore"

Un atto da parte della Procura regionale della Corte dei conti dell’Aquila per rispondere di 39 incarichi di missione fuori sede autorizzati ad alcuni collaboratori del Museo universitario di Chieti. Lo ha ricevuto l'ex direttore Luigi Capasso, candidato a rettore dell'Ateneo d'Annunzio, che ha reso pubblica la vicenda in nome della trasparenza.

I collaboratori in questione, in parte dipendenti della “Cooperativa Leonardo”, avrebbero percepito indebitamente rimborsi spese per un totale di 12.134,41 euro, in relazione allo svolgimento di attività strettamente legate al Museo scientifico.

La notifica è arrivata sabato mattina al professor Capasso che ora dovrà presentare alla Corte dei Conti le proprie deduzioni. "Detto 'invito a dedurre' - commenta il docente in una lettera inviata alla stampa - è la conseguenza dell’intensa, lunga e meticolosa verifica dell’attività amministrativa da me svolta nel corso degli ultimi 22 anni quale direttore del Museo universitario, verifica messa in atto dalla Direzione Generale della nostra Università a partire dal settembre del 2015. La Procura contabile non mi contesta di aver indebitamente percepito rimborsi spese, ma di averli autorizzati a collaboratori a vario titolo del Museo. Non mi viene, in altri termini, contestato alcun personale ed illecito profitto, ma soltanto la presunta erronea interpretazione ed applicazione del regolamento sui rimborsi al personale, nè vengono ipotizzati reati".

Capasso dichiara piena disponibilità a risarcire personalmente all’Ateneo quanto eventualmente erroneamente erogato ai collaboratori del Museo universitario. "Ritengo di dover rendere pubblico l’episodio in questione - scrive ancora - in quanto, in questo momento particolarmente travagliato della vita dell’Ateneo, è assolutamente necessaria, nel pieno rispetto della Comunità accademica, la massima trasparenza dell’operato di chi si propone quale prossimo Rettore".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento