menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Rigopiano estratti vivi 4 bambini e una donna, si scava per salvare altre 6 persone

Salvo il piccolo Samuel Di Michelangelo, fiato sospeso per i parrucchieri di Castel Frentano, Jessica di Vasto e la cuoca Ilaria, di Archi. Identificate le due vittime

Quattro bambini e una donna estratti vivi dall'hotel Rigopiano. Altre sei persone individuate, vive e in buone condizioni, che i vigili del fuoco si stanno prodigando per estrarre. Termina così la lunga giornata di speranza da Farindola, ma le buone notizie potrebbero non terminare: nella notte, infatti, le operazioni di ricerca e soccorso continueranno, con la speranza di portare in salvo tutte le persone individuate e di trovarne altre. 

A fare il punto della situazione è il bollettino medico delle ore 18.30, dall'ospedale di Pescara, dove sono state portate le prime due persone estratte dalle macerie. Si tratta di Adriana e Gianfilippo, moglie e figlio del cuoco Giampiero Parete, l'uomo che mercoledì pomeriggio per un caso si trovava fuori dall'hotel Rigopiano ed è riuscito a non essere sommerso dalla slavina, lanciando l'allarme. Lui, ricoverato ieri (giovedì 19 gennaio) in Rianimazione, è stato poi trasferito in Pneumologia questa mattina, ma è stato già dimesso dall'ospedale. "Le sue condizioni - spiega Tullio Spina, direttore della Rianimazione dell'ospedale di Pescara - sono ottime". Sempre in Rianimazione sono ricoverati la moglie e il figlio, arrivati a Pescara in elicottero un po' disidratati, ma in buone condizioni. "Questi pazienti - aggiunge Spina - non hanno necessità strette di attività rianimatorie, ma si è preferito creare in reparto una zona di degenza specifica con 8 posti letti proprio per questa situazione particolare: tutti i pazienti da Rigopiano verranno ricoverati lì". 

I superstiti sono riusciti a sopravvivere perché indossavano un abbigliamento pesante e la zona dell'albergo in cui si trovavano è crollata, ma ha restitito in modo da non far penetrare la neve all'interno. "Ecco perché l'ipotermia non è stata severa", spiega il dottor Spina. Il prossimo bollettino medico è previsto per domani (sabato 21 gennaio). Intanto, a Pescara, si attende l'arrivo degli altri tre bambini salvati dai vigili del fuoco. Sono Ludovica, la figlia minore dei Parete, Samuel Di Michelangelo, 7 anni, figlio dei teatini Dino Di Michelangelo e Marina Serraiocco, ed Edoardo Di Carlo, figlio di Sebastiano e Nadia Di Carlo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende l'Rt e Marsilio è fiducioso: "L'Abruzzo non sarà tutto rosso"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento