Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

Rigopiano, la procura chiede il processo per 25 persone

Confermati i nomi dell'ex prefetto di Pescara Francesco Provolo, dell'ex presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco e del sindaco di Farindola Ilario Lacchetta

Il procuratore capo di Pescara Massimiliano Serpi e il sostituito Andrea Papalia hanno firmato 25 richieste di rinvio a giudizio, nell'ambito dell'inchiesta sul disastro dell'hotel Rigopiano di Farindola (Pescara) che il 18 gennaio 2017 costò la vita a 29 persone.

Tra questi sono confermati i nomi dell'ex prefetto di Pescara Francesco Provolo, dell'ex presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco e del sindaco di Farindola Ilario Lacchetta. Le indagini, compiute dai carabinieri forestali, vertono principalmente sulla mancata realizzazione della Carta valanghe, su presunte inadempienze relative a manutenzione e sgombero delle strade d'accesso all'hotel e sul tardivo allestimento del Centro coordinamento soccorsi.

I reati ipotizzati dalla procura, a vario titolo, vanno dal crollo di costruzioni o altri disastri colposi all'omicidio e lesioni colpose all'abuso d'ufficio e al falso ideologico. Ora spetta al Gup, in sede di udienza preliminare, pronunciarsi sulla richiesta della procura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rigopiano, la procura chiede il processo per 25 persone

ChietiToday è in caricamento