I rifiuti della capitale arrivano anche a Chieti: scoppia la polemica politica

L’ipotesi è che in Abruzzo arrivino, nel corso dell’anno appena iniziato, circa 380 tonnellate di rifiuti al giorno, per 300 giorni lavorativi. In tutto 114mila tonnellate

Scongiurata l’ipotesi Emilia Romagna, i rifiuti della capitale finiranno in Abruzzo. Questo ha deciso l’Ama, l’azienda che si occupa della raccolta dell’immondizia a Roma. “La nostra logica - ha dichiarato l’amministratore delegato Lorenzo Bagnacani - è riferire impianti più vicini, in modo da ridurre il più possibile i costi”.

La questione è al centro di un vertice tecnico amministrativo in programma oggi, in Regione. Intorno a un tavolo si riuniranno il sottosegretario alla presidenza della giunta regionale con delega all’Ambiente, Mario Mazzocca, e il governatore Luciano D’Alfonso. 

L’ipotesi, qualora la giunta regionale decidesse di avallare la proposta del Lazio, è che in Abruzzo arrivino, nel corso dell’anno appena iniziato circa 380 tonnellate di rifiuti al giorno, per 300 giorni lavorativi. In tutto 114mila tonnellate, che finirebbero negli impianti della Deco, a Chieti, della Aciam di Aielli (L’Aquila) e della Cogesa, a Sulmona. 

Ma tra i vari schieramenti politici monta già la polemica. “Se l'Abruzzo non morirà sfiatato dai rincari lo farà per l'olezzo dell’immondizia”, scrivono in una nota il coordinatore regionale Lega-Ncs Abruzzo, Giuseppe Bellachioma, il responsabile dipartimenti Lega-Ncs Abruzzo, Gianfranco Giuliante, il responsabile ambiente Lega-Ncs Abruzzo, Davide D'Errico. “La morsa che stanno stringendo, il Pd con gli aumenti e i 5 Stelle con l'immondizia, complice la Regione Abruzzo - incalzano - ucciderà il nostro territorio. Dei rincari di autostrada, luce, gas e quant'altro sappiamo, l'ultima novità sono i rifiuti che, per motivi politici, non andranno più in Emilia: la Raggi e i 5 Stelle preferiscono portarli in Abruzzo”.

Il consigliere regionale del Pd Camillo D’Alessandro invita: “La Raggi dichiari l'emergenza ed una Regione come la nostra ha il dovere di dare una mano alla Capitale (come già accade ed accaduto in passato), ma se fanno pure i sostenuti dicendo che loro non hanno problemi allora non vi è necessità dell'Abruzzo, quindi ognuno si tiene i propri rifiuti”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tuttavia mi chiedo - puntualizza - cosa sarebbe accaduto a parti inverse? Se per caso a governare Roma ci fossimo noi, mentre alla Regione i 5 Stelle, i vari esponenti locali, i vari Pettinari? Ci vuole leale collaborazione tra istituzioni - chiarisce D'Alessandro - tuttavia l'accoglienza ha senso solo in condizione di emergenza di un territorio, della Capitale, altrimenti perché saturare i nostri impianti per incapacità altrui? Devono dire all'Italia intera la verità. Dunque - conclude - ci vuole subito una operazione verità, trasparente, chiara, perché gli abruzzesi devono sapere cosa accade sul loro territorio e perché".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • DIRETTA - Elezioni comunali 2020: ballottaggio Di Stefano-Ferrara

  • Elezioni comunali, i voti ricevuti da tutti i candidati consiglieri

  • Torna l’ora solare e guadagneremo un’ora in più di sonno

  • Torrevecchia in lutto per la scomparsa di Erica: aveva solo 26 anni

  • La sfida elettorale riparte: Di Stefano e Ferrara al ballottaggio per governare Chieti

  • Tra volti noti e nuovi ingressi, ecco chi entra in consiglio e chi può ancora sperare in un posto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento