menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
una della aree

una della aree

Rifiuti pericolosi: sequestrate discariche abusive per oltre 55.000 metri quadrati

Eternit, veicoli, pneumatici abbandonati anche sulle sponde dei corsi d'acqua. L'operazione dei finanzieri della compagnia di Chieti. Dieci persone sono state denunciate

Cumuli di rifiuti speciali e pericolosi depositati ed abbandonati su ettari di terreno a Chieti e sulle sponde dei corsi d'acqua della provincia teatina sono stati scoperti dai militari della Guardia di Finanza di Chieti. Nell’indagine, denominata “Clean Land”, i finanzieri del Nucleo Mobile, diretti dal capitano Angela Luana Vallario e coordinati dal colonnello Vittorio Mario Di Sciullo, hanno sottoposto a sequestro discariche abusive “a cielo aperto” per oltre 55.000 metri quadrati,. Dieci persone sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria per attività di gestione di rifiuti non autorizzata in violazione della normativa ambientale, due sono state sanzionate per violazione alla norma relativa alla cessazione dell'impiego dell'amianto. LA DISCARICA A CHIETI: VIDEO DELLA FINANZA

Durante l’operazione sono state individuate ben dieci zone pericolose, e alcuni capannoni dove, senza alcuna autorizzazione o precauzione, venivano stoccati oltre quattrocento veicoli in evidente stato di abbandono, privi di targa, motori e parti meccaniche, 1000 pneumatici, materiale plastico in genere, elettrodomestici, batterie esauste, pezzi di motore impregnati d’olio e parti di essi. Sono stati inoltre trovati, in diverse aree, circa 500 mq di lastre di eternit pronte per essere smaltite in totale violazione delle normative vigenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento