Cronaca

Rifiuti, Bevilacqua: "5% non vuol dire ampliamento, la Tarsu diminuirà"

L'assessore ai Rifiuti assicura che non ci sarà nessuna variazione delle capacità della discarica Casoni nonostante il conferimento dei rifiuti pescaresi e se la prende col Pd

L'assessore alla Gestione, Raccolta e Smaltimento Rifiuti Urbani, Alessandro Bevilacqua, assicura che Chieti non sarà mai la discarica di riferimento del pescarese: "Quel 5% di rifiuti urbani dal vicino capoluogo - ha detto - qualora dovesse giungere provvisoriamente e solo se strettamente necessario, non comporterebbe nessuna variazione delle capacità della discarica Casoni, né determinerebbe un aumento della Tarsu per i cittadini che, al contrario, grazie alla raccolta differenziata vedranno una riduzione della stessa tassa, come più volte precisato nel corso degli incontri pubblici".

Bevilacqua parla di mero spirito solidaristico regionale, riferendosi all'attegiamento del sindaco Di Primio che, in sede regionale, ha ammorbidito la sua posizione accettando di accogliere solo in minima parte i conferimenti pescaresi.

"La Regione - continua  - per legge, come è accaduto anche in passato, può riservarsi il 5% della disponibilità nelle discariche regionali. Piuttosto il Pd dichiari cosa vuole realmente fare, visto che da una parte il gruppo pescarese vuole conferire i rifiuti a Casoni, mentre lo stesso gruppo politico, a Chieti, dice di non volere che i rifiuti giungano in territorio teatino".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, Bevilacqua: "5% non vuol dire ampliamento, la Tarsu diminuirà"

ChietiToday è in caricamento