Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca Centro Storico / Corso Marrucino

La famiglia D'Orazio riapre il ristorante Bellavista

Lo storico locale all'ultimo piano del palazzo ex Upim pronto a rivivere dopo l'inverno. Lo gestiranno le sorelle D'Orazio del Caffè Vittoria

Il ristorante Bellavista pronto a vivere una seconda vita? L'indiscrezione, se così si può parlare perchè di fatto è una splendida notizia per l'economia cittadina, è stata confermata da un post sulla pagina Facebook del Gran Caffè Vittoria.

Sarà infatti la famiglia D'Orazio, che da decenni gestisce il Caffè teatino, a ridare vita allo storico ristorante accanto all'ex Upim. "Vi ricordate di questo posto entrato nel cuore di tanti teatini? - il testo del post corredato da una splendida immagine degli interni - Era Bellavista, uno dei ristoranti più belli della città. Da qui, all'ultimo piano del palazzo ex Upim, si poteva mangiare godendo di una vista unica. Questa foto degli anni '70 lo mostra in tutto il suo splendore. E se ci fosse una novità in vista?".

Le sorelle Mariangela, Garbiella e Renata D'Orazio, volti noti dell'adiacente caffè Vittoria sarebbero infatti pronte alla riapertura del ristorante Bellavista, dove il compianto chef Filippo De Francesco, scomparso nel 2012, preparava piatti indimenticabili. L'inaugurazione dei nuovi spazi, che oltre al ristorante e alla sua ampia vetrata comprendono anche una sala convegni, è in programma per la fine di aprile.

Una notizia accolta con gioia da tanti. "Se il ristorante riaprirà - il tono di alcuni commenti -  impegniamoci tutti ad andarci e sostenerlo non solo a parole. Il commercio e la ristorazione a Chieti sono morti anche a causa di una esterofilia spinta di noi teatini".

Intanto pochi giorni fa un altro locale nel cuore di Chieti ha riaperto i battenti con un nuovo nome e una gestione affidata ai giovani: si tratta della pizzeria braceria Civitella, in via San Rocco.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La famiglia D'Orazio riapre il ristorante Bellavista

ChietiToday è in caricamento